Coronavirus le coppie sono a rischio?

Le coppie americane potrebbero presto sciogliersi a causa dell’epidemia di coronavirus dovuta all’autoisolamento e all’isolamento senza prendere provvedimenti per consolidare il loro rapporto, avverte uno psicologo americano.
Così come giudichiamo le tendenze della malattia in base a quanto accade in altri Paesi, chi ha una relazione dovrebbe preoccuparsi del fatto che, dopo la quarantena per il coronavirus, un numero senza precedenti di coppie ha fatto richiesta di divorzio nei distretti di Xi’an, capitale della provincia dello Shaanxi nella Cina nordoccidentale.
Secondo il Global Times, l’ondata di richieste per il divorzio è stata il risultato della pandemia che ha fatto sì che le coppie fossero “legate tra loro a casa per oltre un mese” e ha creato conflitti e il desiderio di divorzi impulsivi.

In che modo l’autoisolamento e la quarantena influiscono sulle relazioni di coppia?


“La quarantena è stressante – una revisione delle prove pubblicate su The Lancet indica che la quarantena può avere effetti psicologici negativi, tra cui rabbia, confusione e, in alcuni casi, sintomi di stress post-traumatico”, ha detto a Newsweek David Cates, Ph.D., psicologo o e direttore presso l’Università del Nebraska Medical Center.
“I fattori che aumentano lo stress della quarantena includono una maggiore durata della quarantena, paura di infezioni, noia, informazioni inadeguate e perdite finanziarie”, ha detto Cates.
L’aumento del panico e l’incertezza sulle assenze per malattia pagate per gli americani contribuiranno probabilmente a questo stress, il che significa che le coppie americane potrebbero essere suscettibili a richieste di divorzio impulsive.
“Stare insieme in un piccolo spazio per un periodo molto più lungo del solito in condizioni di stress significa maggiori opportunità di amplificare le dinamiche sia positive che negative”, ha detto Cates a Newsweek.
“La mia ipotesi è che le relazioni con una solida base sopravviveranno e potrebbero anche prosperare, mentre quelle caratterizzate da scarse capacità di negoziazione, comunicazione distruttiva e mancanza di apprezzamento hanno più probabilità di rompersdi sotto lo stress”.
Cates ha detto che la ricerca di John Gottman mostra che il rapporto tra le interazioni positive e negative durante un conflitto è critico: le coppie con almeno cinque commenti o gesti positivi per ogni interazione negativa tendono ad essere felici.
“Quindi, per sopravvivere e prosperare durante la quarantena, le coppie dovrebbero cercare opportunità per mostrare interesse, trovare aree di accordo, esprimere affetto e apprezzamento e dimostrare empatia. E devono farlo in tempi di conflitto. Dovrebbero anche riconoscere che la preoccupazione, la paura, lo stress e il senso di colpa sono attesi e le reazioni normali durante la quarantena e non criticarsi l’un l’altro per aver espresso questi sentimenti”.

Oltre alle strategie incentrate sulla relazione, Cates raccomanda alle coppie di ridurre il proprio stress individuale per diminuire il peso della relazione.


Le strategie consigliate per gestire lo stress:

-Comprendere che l’eccessiva copertura mediatica dell’emergenza, con toni drammatica e titoli audaci, potrebbe farvi percepire il vostro rischio personale peggiore di quanto non sia.

-Cercate le informazioni da una fonte affidabile come:
https://www.iss.it/coronavirus
http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus
http://www.governo.it/it/articolo/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/14278

-Limitate il consumo dei media, ad esempio 30 minuti al mattino e alla sera, piuttosto che leggere i titoli dei giornali o tenere notizie via cavo tutto il giorno.
-Mettersi in contatto con psicologi che possono fornire aiuto a distanza.

-Creare e seguire una routine quotidiana. Idealmente, questo dovrebbe includere il tempo per il lavoro, l’esercizio fisico, gli hobby, l’apprendimento e l’alimentazione.

-Svolgere attività che solitamente tendiamo a procastinare: questo potrebbe essere un buon momento per aggiornarsi su libri o film, aggiustare le cose in casa, imparare una lingua e provare nuove ricette.

Tali alternative potrebbero essere cose che una coppia può fare insieme, ma possono anche essere attività separate.
-Alimentazione sana.
-Dormire a sufficienza.
-Fare esercizio fisico.
-Sperimentare le abilità per gestire lo stress, come la respirazione profonda, il rilassamento muscolare o la meditazione.

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy