Terapia di coppia: il metodo del Gottman Institute

Negli anni ’70, il dott. Gottman iniziò nel suo laboratorio l’osservazione sistematica delle coppie e delle dinamiche relazioni che le contraddistinguono. 

La psicologia a quel tempo aveva molte difficoltà ad individuare modelli affidabili nella personalità di un individuo. All’epoca molti psicologi ritenevano che suggeriscono che non si dovesse studiare la relazione di coppia, a causa della scarsa affidabilità nello studio di una persona che potrebbe essere raddoppiata studiando due persone. 

Quella concezione si è rivelata sbagliata come dimostrato da decenni di ricerca scientifica ariguardo. Il dott. Gottman ha dimostrato che nel corso del tempo c’è stata un’enorme regolarità in una coppia.

In una serie di studi di ricerca, il dott. Gottman ha sviluppato nuovi sistemi di codifica osservativa con i suoi colleghi e il laboratorio ha applicato metodologie all’avanguardia per studiare sequenze di interazione tra i partner. 

Hanno costruito un dispositivo chiamato “talk table”, in cui le persone potevano interagire e anche valutare quanto erano positive o negative le loro intenzioni e quanto positivi o negativi erano gli impatti dei messaggi ricevuti.

Collaborazione con Robert Levenson

Nel 1975, Robert Levenson e John Gottman iniziarono la loro collaborazione per unire lo studio delle emozioni con la misurazione psicofisiologica e un metodo di video-richiamo che forniva loro una scala di valutazione di come le persone si sentivano durante il conflitto.

Nel 1989, Gottman e Krokoff introdussero il Sistema di codifica di aspetti specifici (SPAFF) allo scopo di osservare sistematicamente il comportamento affettivo nel contesto del conflitto coniugale. 

Lo SPAFF originale ha conferito una serie di vantaggi rispetto alle precedenti strategie di codifica “microanalitica”, in quanto l’innovazione primaria è la capacità di codificare gli effetti a livello di costruzione anziché a livello di comportamenti estremamente discreti, come gesti specifici o movimenti facciali (Gottman, McCoy, Coan e Collier, 1995).

 Nel 1980, il Dr. Gottman e Levenson ricevettero insieme la loro prima borsa di studio e iniziarono a tentare di replicare le loro osservazioni dal loro primo studio.

Gottman e Levenson hanno scoperto che l‘interazione delle coppie ha avuto un’enorme stabilità nel tempo (circa l’80% della stabilità nelle discussioni nelle coppie separate da 3 anni). Hanno anche scoperto che la maggior parte dei problemi di relazione (69%) non viene mai risolta, ma sono problemi “perpetui” basati sulle differenze di personalità tra i partner. 

Creazione del “Love Lab”: il laboratorio dell’amore

Nel 1986, John Gottman e i suoi colleghi costruirono un laboratorio di appartamenti presso l’Università di Washington che fu chiamato dai media “Love Lab”. È qui che hanno scoperto le basi dell’amicizia e dell’intimità e la sua relazione con i conflitti nelle loro offerte e trasformando il sistema di codifica. 

Grazie all’analisi dei dati raccolti dall’osservazione di migliaia di coppia, i ricercatori hanno scoperto come le coppie creano e mantengono l’amicizia e l’intimità e come sono legate al conflitto.

Quando divennero disponibili dati longitudinali di 14 anni, Levenson & Gottman scoprirono un secondo modello disfunzionale, il disimpegno emotivo, caratterizzato dall’assenza di qualsiasi sentimento positivo durante il conflitto (nessun interesse, affetto, umorismo o empatia). 

Ricerca su coppie omosessuali

Levenson e Gottman hanno anche condotto uno studio di 12 anni su coppie gay e lesbiche, lavori che hanno pubblicato in due articoli sul Journal of Homosexuality. La ricerca dimostra che tutti i tipi di coppia – etero o gay – hanno molti problemi simili e gli stessi percorsi per sviluppare una relazione di coppia gratificante. 

La ricerca inoltre ha dimostrato che ci sono anche alcune risorse come l’umorismo e la capacità di calmarsi durante un conflitto, che sono particolarmente importanti per le coppie dello stesso sesso.

The Sound Relationship House Theory e il Gottman Institute

Nel 1994, il dott. Gottman iniziò a lavorare con sua moglie, la psicologa clinica Dr. Julie Schwartz Gottman, sviluppando la teoria della Sound Relationship House (SRH) e gli interventi basati sulla ricerca di John. 

Insieme, hanno progettato studi di cambiamento sia a breve che a lungo termine.  In uno di questi studi hanno scoperto che un’interruzione di 20 minuti in cui le frequenze cardiache dei partner sono tornate al ritmo cardiaco consueto, ha cambiato radicalmente l’evluzione della discussione, in modo che le persone avessero accesso al loro senso dell’umorismo e alla connessione emotiva.

Nel 1996, il dott. Julie e John Gottman hanno co-fondato l’Istituto Gottman per portare questa ricerca nel mondo. Sono impegnati in un programma di ricerca in corso che aumenta la comprensione delle relazioni di coppia e si aggiunge allo sviluppo di interventi che sono scientificamente validati.

Questo approccio è entrato a far parte della mia pratica clinica con le coppie e mi consente di valorizzare l’impegno dei partner durante il percorso terapeutico di coppia attraverso l’utilizzo di strumenti concreti (esercizi in seduta, brevi questionari ecc.) che derivano dalla ricerca scientifica ma che richiedono un costante aggiornamento da parte dello specialista.

Posso dire di essere davvero entusiasta del contributo offerto dal metodo Gottman che offre alle coppie che vogliono avviare un processo di cambiamento nella loro relazione in tempi relativamente brevi ma che si rivela efficace e duraturo.

“Possiamo imparare ad amare solo amando.”
Iris Murdoch

Riferimenti bibliografici: https://www.gottman.com/

https://www.johngottman.net/

https://www.johngottman.net/

Negli anni ’70, il dott. Gottman iniziò nel suo laboratorio l’osservazione sistematica delle coppie e delle dinamiche relazioni che le contraddistinguono. 

La psicologia a quel tempo aveva molte difficoltà ad individuare modelli affidabili nella personalità di un individuo. All’epoca molti psicologi ritenevano che suggeriscono che non si dovesse studiare la relazione di coppia, a causa della scarsa affidabilità nello studio di una persona che potrebbe essere raddoppiata studiando due persone. 

Quella concezione si è rivelata sbagliata come dimostrato da decenni di ricerca scientifica ariguardo. Il dott. Gottman ha dimostrato che nel corso del tempo c’è stata un’enorme regolarità in una coppia.

In una serie di studi di ricerca, il dott. Gottman ha sviluppato nuovi sistemi di codifica osservativa con i suoi colleghi e il laboratorio ha applicato metodologie all’avanguardia per studiare sequenze di interazione tra i partner. 

Hanno costruito un dispositivo chiamato “talk table”, in cui le persone potevano interagire e anche valutare quanto erano positive o negative le loro intenzioni e quanto positivi o negativi erano gli impatti dei messaggi ricevuti.

Collaborazione con Robert Levenson

Nel 1975, Robert Levenson e John Gottman iniziarono la loro collaborazione per unire lo studio delle emozioni con la misurazione psicofisiologica e un metodo di video-richiamo che forniva loro una scala di valutazione di come le persone si sentivano durante il conflitto.

Nel 1989, Gottman e Krokoff introdussero il Sistema di codifica di aspetti specifici (SPAFF) allo scopo di osservare sistematicamente il comportamento affettivo nel contesto del conflitto coniugale. 

Lo SPAFF originale ha conferito una serie di vantaggi rispetto alle precedenti strategie di codifica “microanalitica”, in quanto l’innovazione primaria è la capacità di codificare gli effetti a livello di costruzione anziché a livello di comportamenti estremamente discreti, come gesti specifici o movimenti facciali (Gottman, McCoy, Coan e Collier, 1995).

 Nel 1980, il Dr. Gottman e Levenson ricevettero insieme la loro prima borsa di studio e iniziarono a tentare di replicare le loro osservazioni dal loro primo studio.

Gottman e Levenson hanno scoperto che l‘interazione delle coppie ha avuto un’enorme stabilità nel tempo (circa l’80% della stabilità nelle discussioni nelle coppie separate da 3 anni). Hanno anche scoperto che la maggior parte dei problemi di relazione (69%) non viene mai risolta, ma sono problemi “perpetui” basati sulle differenze di personalità tra i partner. 

Creazione del “Love Lab”: il laboratorio dell’amore

Nel 1986, John Gottman e i suoi colleghi costruirono un laboratorio di appartamenti presso l’Università di Washington che fu chiamato dai media “Love Lab”. È qui che hanno scoperto le basi dell’amicizia e dell’intimità e la sua relazione con i conflitti nelle loro offerte e trasformando il sistema di codifica. 

Grazie all’analisi dei dati raccolti dall’osservazione di migliaia di coppia, i ricercatori hanno scoperto come le coppie creano e mantengono l’amicizia e l’intimità e come sono legate al conflitto.

Quando divennero disponibili dati longitudinali di 14 anni, Levenson & Gottman scoprirono un secondo modello disfunzionale, il disimpegno emotivo, caratterizzato dall’assenza di qualsiasi sentimento positivo durante il conflitto (nessun interesse, affetto, umorismo o empatia). 

https://www.youtube.com/watch?v=QEnVSrCCSw4

Ricerca su coppie omosessuali

Levenson e Gottman hanno anche condotto uno studio di 12 anni su coppie gay e lesbiche, lavori che hanno pubblicato in due articoli sul Journal of Homosexuality. La ricerca dimostra che tutti i tipi di coppia – etero o gay – hanno molti problemi simili e gli stessi percorsi per sviluppare una relazione di coppia gratificante. 

La ricerca inoltre ha dimostrato che ci sono anche alcune risorse come l’umorismo e la capacità di calmarsi durante un conflitto, che sono particolarmente importanti per le coppie dello stesso sesso.

The Sound Relationship House Theory e il Gottman Institute

Nel 1994, il dott. Gottman iniziò a lavorare con sua moglie, la psicologa clinica Dr. Julie Schwartz Gottman, sviluppando la teoria della Sound Relationship House (SRH) e gli interventi basati sulla ricerca di John. 

Insieme, hanno progettato studi di cambiamento sia a breve che a lungo termine.  In uno di questi studi hanno scoperto che un’interruzione di 20 minuti in cui le frequenze cardiache dei partner sono tornate al ritmo cardiaco consueto, ha cambiato radicalmente l’evluzione della discussione, in modo che le persone avessero accesso al loro senso dell’umorismo e alla connessione emotiva.

Nel 1996, il dott. Julie e John Gottman hanno co-fondato l’Istituto Gottman per portare questa ricerca nel mondo. Sono impegnati in un programma di ricerca in corso che aumenta la comprensione delle relazioni di coppia e si aggiunge allo sviluppo di interventi che sono scientificamente validati.

Questo approccio è entrato a far parte della mia pratica clinica con le coppie e mi consente di valorizzare l’impegno dei partner durante il percorso terapeutico di coppia attraverso l’utilizzo di strumenti concreti (esercizi in seduta, brevi questionari ecc.) che derivano dalla ricerca scientifica ma che richiedono un costante aggiornamento da parte dello specialista.

Posso dire di essere davvero entusiasta del contributo offerto dal metodo Gottman che offre alle coppie che vogliono avviare un processo di cambiamento nella loro relazione in tempi relativamente brevi ma che si rivela efficace e duraturo.

“Possiamo imparare ad amare solo amando.”
Iris Murdoch

Riferimenti bibliografici: https://www.gottman.com/

https://www.johngottman.net/

https://www.johngottman.net/

Sharing is caring!

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy