4 Segnali che la relazione di coppia è a rischio

La fine di una relazione  di coppia è probabilmente una delle decisioni emotivamente più impegnative che una persona possa prendere. Le persone che iniziano una convivenza/matrimonio generalmente lo fanno con l’aspettativa di raggiungere l’obiettivo ideale del “finché morte non ci separi”. 

Sfortunatamente, questo obiettivo non è realizzato da quasi la metà delle coppie sposate, secondo le statistiche sul divorzio. Potrebbe essere difficile ammettere a te stesso che forse non hai sposato la tua anima gemella, che il tuo amore non durerà per sempre e che potresti non vivere per sempre felici e contenti. Per alcuni, i finali possono essere decisamente spaventosi e dolorosi.

Le persone possono essere particolarmente dure con se stesse quando una relazione inizia a svelarsi e si assumono la responsabilità di sciogliere il matrimonio. Decidere di abbandonare una relazione può far sorgere molti sentimenti, preoccupazioni e dubbi negativi. Una persona che se ne va può preoccuparsi di sentirsi sopraffatta, fuori controllo e spaventata di non riprendersi da questo evento traumatico della sua vita. Alcune persone accusano se stesse e pensano al divorzio come a un fallimento personale.

Idealmente, il matrimonio dovrebbe migliorare e sostenere la tua vita in modo prevalentemente positivo. Ogni matrimonio ha alcuni problemi crescenti, ma non devono necessariamente minare il benessere della relazione. Allo stesso tempo, ci sono alcuni indicatori che il tuo matrimonio non sta funzionando e potrebbe arrivare alla fine, specialmente se non chiedi una consulenza ad uno psicoterapeuta di coppia. Potresti aver evitato i segni, mettendo la testa sotto la sabbia e nascondendoti dalla dolorosa verità.

Ecco alcuni fattori comuni che possono essere visti nelle coppie in procinto della rottura:

1. CONFLITTO IMPRODUTTIVO

Una differenza di opinione e prospettiva fa parte di ogni relazione sana, ma quando gli argomenti sono frequenti, ripetitivi e non produttivi, potresti essere diretto verso un grave declino. Una relazione diventa tossica quando critica, difesa, disprezzo e ritiro diventano la norma. Il conflitto improduttivo può provocare sentimenti di estraniamento e disperazione. Vi è spesso la sensazione di un “vincitore” e un “perdente” in questi tipi di battaglie, e nessuna vera intuizione o cambiamento duraturo sembra verificarsi a causa del disaccordo. Sembra di essere dentro un circolo vizioso, senza che nulla venga mai risolto.

2. PERDITA DI AMORE E AFFETTO

Una mancanza di affetto toccante, bacio e intimità fisica può parlare a lungo della durata di una relazione. Una perdita di amore e affetto può contribuire notevolmente alla fine di un matrimonio a meno che entrambe le parti non siano d’accordo e soddisfatte. Le coppie si lamentano spesso di vivere come coinquilini e non come partner romantici. Potrebbe esserci un’enorme differenza nel tipo di impegno che ogni persona è disposta a prendere riguardo a come mostrano amore e affetto.

3. LA NOIA

La noia può verificarsi quando ti senti depresso, disconnesso o non sei più innamorato. Potresti notare che ti senti non amato, denutrito e il tuo partner non è una fonte di conforto o la persona con cui vuoi parlare più spesso quando si presenta un problema.

4. DISCONNESSIONE EMOTIVA

La distanza emotiva può verificarsi in caso di interruzione di qualsiasi tipo di comunicazione e si nota una mancanza di profondità o significato nelle conversazioni. Puoi smettere di condividere eventi importanti e dettagli emotivi della tua giornata. C’è un certo disinteresse per ciò che l’altra persona sta facendo. Puoi sviluppare interessi diversi e condurre vite parallele che raramente si intersecano.

La terapia di coppia funziona se in grado di promuovere il processo di di cambiamento che i partner intendono realizzare.

Le coppie in genere cercano di risolvere i problemi da sole e aspettano, in media, circa sei anni prima di rivolgersi ad uno psicoterapeuta. Quando le coppie fortemente in crisi sono pronte a cercare la terapia, la loro relazione a volte ha superato un punto di non ritorno e le prospettive di riparazione si attenuano. 

Se i segnali di allarme sopra citati sono prevalenti nella tua relazione, cercare un aiuto qualificato per restituire vitalità alla tua relazione. Spesso dipende dal fatto che siate entrambi disposti ad impegnarvi nel processo, ad assumervi la responsabilità dei vostri rispettivi contributi ai problemi e a fare il lavoro necessario per migliorare la vostra relazione.

Molte volte, i matrimoni finiscono per ragioni buone e comprensibili. La fine di una relazione può offrirti l’occasione di imparare dagli errori e iniziare il prossimo capitolo della tua vita. Lavorare con un psicoterapeuta all’indomani della dissoluzione del rapporto di coppia può offrirti l’opportunità di affrontare un percorso di crescita personale mentre rimetti insieme i pezzi della tua vita.

Ri

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy