Litigare non danneggia la coppia

Molto rumore per nulla

I conflitti sono inevitabili ma non portano necessariamente alla rottura della relazione di coppia.

Immagina di pianificare di uscire a cena con il tuo partner, tra qualche settimana sarà di nuovo possibile secondo le nuove disposizioni previste dal Governo italiano.

 Magari è anche un’occasione speciale, vuoi andare al tuo ristorante preferito e sai esattamente cosa vuoi ordinare, a al tuo partner non piace quel ristorante tanto quanto te. 

Vorrebbe andare altrove – da qualche parte più economico e meno romantico e non altrettanto buono, secondo te, e non vuoi andarci. Invece di parlarne e scendere a compromessi, magari decidendo in un altro posto dove puoi sia ottenere qualcosa che desideri e divertirti ancora insieme, finite per litigare. Ci sono offese e sentimenti feriti, nulla cambia e non cenate insieme.

Quella che doveva essere una bella serata romantica si trasforma in un litigio sgradevole, parafrasando il titolo di una famosa opera Shakespeare “Molto rumore per nulla”.

Questo è un evento comune nelle relazioni. In realtà, le lotte sul telecomando della TV o su cosa mangiare a cena non riguardano nulla di specifico. 

John Gottman, che ha dedicato più di 30 anni alla ricerca scientifica sulle relazoni di coppia: rivela che la cosa principale per cui le coppie combattono è esattamente questo: niente.

Le discussioni e la fiducia

Raramente le coppie si siedono, creano un’agenda e discutono su un argomento specifico come le finanze. A volte lo fanno, ma in genere si feriscono a vicenda nei momenti apparentemente insignificanti.

Ciò che conta non è la lotta stessa, nè di cosa si tratta. Ciò che conta è come i partner rispondono alle emozioni negative nella relazione.

 Se le coppie vedono il conflitto come un’opportunità di crescita, possono sintonizzarsi a vicenda e aumentare la comprensione reciproca, il che aumenta la fiducia reciproca nella relazione.

Se i partner respingono le emozioni negative in queste situazioni, potrebbero eventualmente riconnettersi l’uno con l’altro, ma la fiducia sarà demolita in parte. Nel tempo, piccoli e insignificanti incidenti si aggraveranno finché i partner non si sentiranno feriti, tristi e soli.

Invece di cercare la mano del tuo partner, inizi a puntare il dito e ad incrociare le braccia. 

Invece di parlarne in modo calmo, anche se non sei d’accordo, vi ferite a vicenda e la fiducia e la connessione tra di voi iniziano ad erodersi.

Perché le relazioni falliscono

Gli eventi negativi accadranno sempre nelle relazioni e le coppie si scontreranno sempre, ma non è questo che spinge le coppie a separarsi. 

Le relazioni falliscono quando la storia di una coppia, le convinzioni condivise e l’atteggiamento generale verso la loro relazione – è focalizzata sui problemi che i partner creano, non sull’amore che i partner offrono, e l’atteggiamento generale diventa negativo.

Ciò che le coppie hanno bisogno di accogliere contro quel tipo di negatività è una ” prospettiva positiva ” sulla relazione. 

Devi ricordare a te stesso le cose buone che condividi nella tua relazione, quanto ammiri e apprezzi il tuo partner, e quanto accetti e comprendi i suoi difetti, nonostante i conflitti che ne derivano.

Invecea, se hai una prospettiva negativa, ti disconnetti lentamente, a volte senza nemmeno rendertene conto.

Se pensi costantemente a quanto la tua relazione ti fa sentire negativo, allora potresti iniziare a vedere il nostro partner come egoista. Potresti smettere di credere che il tuo partner abbia a cuore i tuoi migliori interessi. Il tuo potenziale di disconnessione emotiva e tradimento aumenta nel tempo.

I buoni sentimenti che hai provato una volta potrebbero essere sostituiti da solitudine, frustrazione e rabbia. Ogni piccolo incidente negativo – quelle lotte per questioni insignificanti – aumenta solo il potenziale di tradimento o rottura.

C’è un punto nelle relazioni in cui la negatività prende il sopravvento e domina tutte le storie, i ricordi e i sentimenti positivi. Questa è la “prospettiva negativa”, o in termini scientifici, “prevalenza del sentimento negativo”. 

Anche se il tuo partner fa qualcosa di carino per te, potresti comunque pensare che è davvero egoista, che non ha a cuore i tuoi migliori interessi e che la relazione è semplicemente cattiva e lo è sempre stata.

Il sopravvento della prospettiva negativa fa sì che i partner dimentichino i bei ricordi o semplicemente, li liquidino come aberrazione in una relazione negativa.

 La ricerca scientifica ha evidenziato come le coppie che avevano una prospettiva positiva sulla loro storia, nonostante i tempi difficili, avevano molte più possibilità di restare insieme.

Invece  quelle coppie che erano fermamente nella prospettiva negativa erano destinate alla separazione o comunque, rimanevano nella relazione, ma conducevano vite disconnesse e parallele.

I conflitti sono inevitabili

Incidenti spiacevoli come conflitti, discussioni e interazioni negative accadranno sempre in tutte le relazioni. Secondo la corposa ricerca scientifica condotta dal prof. Gottman , entrambi i partner in una relazione sono emotivamente disponibili solo il 9% delle volte. Questo rende il 91% delle loro interazioni relazionali caratterizzate da una comunicazione inefficace o distruttiva.

Molti vedono il conflitto in una relazione come un segno di incompatibilità, invece dovrebbe essere visto come un segno che la relazione ha bisogno di crescita e comprensione.

 Il conflitto è davvero un’opportunità per saperne di più sul tuo partner. Quindi, quando sembra che tu stia combattendo per nulla e non vai da nessuna parte, c’è probabilmente una mancanza di comprensione. 

Riconoscere i sogni

Forse hai bisogno di identificare come arrivare un compromesso e condividere il processo decisionale, o come riconoscere e realizzare sogni di vita più profondi , o come affrontare bisogni fondamentali che non vengono soddisfatti.  La lotta stessa – come discutere su dove cenare – non parla di nulla. Ma di solito, sotto quella lotta, c’è un sogno non realizzato.

Quando accadono interazioni negative, quella sensazione di disconnessione emotiva dal tuo partner può essere utilizzata per trovare nuovi modi di comunicare e comprendere la prospettiva dell’altro e di comprendere i sogni che ognuno di voi. 

Sesso e faccende domestiche

Ad esempio, una mancanza di sesso o intimità nella tua relazione può stimolare una conversazione, che riguarda il fatto che il tuo partner si sente come se non foste nella stessa squadra. 

Come suggerisce la ricerca scientifica, gli uomini che fanno le faccende fanno più sesso, non perché fare le faccende è erotico, ma perché è un atto di solidarietà con il tuo partner. Secondo il dott. John Gottman, “Le donne trovano la disponibilità di un uomo a svolgere lavori domestici estremamente erotici”. 

Quando l’uomo fa la sua parte per mantenere la casa, entrambi i partner riportano una vita sessuale più soddisfacente che nelle coppie in cui la donna crede che il partner non stia facendo la sua parte.  Una migliore comprensione tra te e del tuo partner può insegnarti come incarnare i tuoi desideri più profondi e come desiderare veramente il tuo partner e quindi come sperimentare una più profonda intimità.

I conflitti tipici sono solo un promemoria per ricordare che una relazione è costituita da due persone diverse che lavorano insieme per comprendere le differenze e amarsi nonostante i difetti.

II motivo per cui tutte le coppie combattono è che siamo tutti un po’diversi l’uno dall’altro – personalità, bisogni, simpatie, antipatie, preferenze, sogni di vita – e molte di queste differenze (69% di esse come emerso dagli studi scientifici) non possono essere risolte.

Quindi, combattiamo. Ma va bene, perché il trucco è imparare a combattere in un modo che non causi danni e che aumenti la comprensione nella relazione di coppia

Cosa possiamo fare?

Quando si verifica un conflitto in una relazione, i partner devono incontrarsi per capirsi meglio. Spesso, ciò significa fare un passo indietro e dire qualcosa del tipo: “Di cosa hai veramente bisogno da me?” o “Cosa significa questo per te? 

Dimmi di più.” Significa anche che, prima di pensare a una risposta, o prima di voler respingere qualcosa con cui il tuo partner dice di non essere d’accordo, devi  ascoltare veramente il tuo partner in modo da poter capire la sua prospettiva.

La fiducia si costruisce quando c’è una prospettiva positiva che, nonostante i difetti, i disaccordi e le differenze, la rende una buona relazione e che ogni partner è lì per l’altro. 

Quelle discussioni per nonnulla non accadranno così spesso quando i partner possono davvero aprirsi sui loro bisogni, preoccupazioni e sogni. 

Sanno che possono farcela, anche se interazioni negative si verificano qua e là. E affinché ciò accada, le coppie devono cercare intenzionalmente di capire le reciproche prospettive. Quando la comprensione avviene regolarmente, si crea una connessione e sboccia una prospettiva positiva.

Se uno dei due partner viene ferito nel mezzo di uno scontro, quando c’è una prospettiva positiva nella relazione, diventa più facile capire che la negatività o la ferita potrebbero non essere dannose o intenzionali, ma un sottoprodotto di stress o frustrazione, che forse esula dalla relazione stessa. 

Un’opportunità preziosa

I partner sono disposti a darsi reciprocamente il vantaggio del dubbio e sanno che possono trasformare un’interazione negativa in un’opportunità di comprensione. Perché si fidano l’uno dell’altro, possono riparare l’incidente e riconnettersi.

Quando subentrerà una prospettiva positiva, quelle lotte per un nonnula nulla diminuiranno e diventeranno opportunità per una maggiore comprensione e connessione. Credo che sia una buona ragione per imparare a combattere in modo più intelligente.

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy