Il segreto per lamentarsi in modo efficace

Esiste un modo efficace di lamentarsi? Siamo abituati a pensare che lamentarsi sia un modo inefficace di comunicare, in realtà la sua efficacia dipende dal modo in cui si esprime la lamentela.

Partiamo da un esempio concreto

Laura è arrabbiata con il suo partner: “Tutto quello che fai dopo il lavoro è cenare e sederti sul divano. Perché non possiamo parlare o fare una passeggiata insieme o fare entrambe le cose? ” Le coppie avranno sempre lamentele reciproche. Sfortunatamente, invece di esprimere le loro lamentele, ricorrono a criticarsi a vicenda. Le critiche incontrollate portano al disprezzo, alla difesa e all’ostruzionismo. Il Dott. John Gottman chiama questi i quattro cavalieri dell’Apocalisse e quando le coppie cadono in preda ai quattro cavalieri, può portare alla rottura.

Le critiche di Laura hanno indotto Paolo a mettersi sulla difensiva. La coppia viveva insieme da quasi tre anni e non avevamo ancora imparato a esprimere efficacemente le nostre lamentele.

“Sono stanco”, dice Paolo “Come consulente legale, passo tutto il giorno a parlare con le persone. “Perché non puoi lasciarmi rilassare?”

Laura continua a lamentarsi fino a quando Paolo sbotta: “Lasciami solo!”

Prima che Laura e Paolo se ne rendessero conto, i Quattro Cavalieri si erano riattivati e stavano causando il caos nella loro relazione di coppia. Così dopo averne parlato la coppia decide di rivolgersi ad uno psicoterapeuta di coppia. In questo modo hanno iniziato a sperimentare come esprimere e ascoltare in modo efficace le lamentale in modo da potersi ascoltare senza diventare difensivi.

Come esprimere la lamentela

Il Dott. John Gottman, attraverso i suoi studi ha messo punto una semplice formula in tre parti per lamentarsi in modo efficace. Con un po’di pratica e perseveranza, seguire la formula aiuterà le coppie a discutere dei loro problemi senza danneggare la relazione di coppia.

1. Esprimi come ti senti
reclami efficaci iniziano con un avvio graduale e vengono lanciati meglio dichiarando come ti senti. Un sentimento può essere un’emozione come rabbia o paura o uno stato fisico come stanchezza o dolore.

L’innesco “morbido” della conversazione è in contrasto con lo stile “duro” che di solito accompagna le critiche e spesso inizia con frasi come “tu sempre” o “tu mai”.

2. Parla di una situazione molto specifica
Dopo aver espresso il tuo stato d’animo, descrivi la situazione o il comportamento che ha causato quella sensazione.

Molte lamentele che i partner hanno l’uno verso l’altro non finiranno via. Se questa è una brutta notizia, la buona notizia è che i reclami non devono condurre a una relazione emotivamente disconnessa. Finché le coppie riescono a evitare che le loro lamentele diventino critiche, le lamentele saranno una seccatura minore rispetto al potere distruttivo della critica.

3. Dichiarare un bisogno positivo
Infine, chiedi al tuo partner di prendere provvedimenti positivi per risolvere il reclamo. L’uso di questa formula non garantisce che i reclami vengano risolti. Fornisce alle coppie uno strumento che possono usare per esprimere le loro lamentele, senza il rischio che le loro richieste vengano percepite come una critica dal partner.

Dalla teoria alla pratica

Applichiamo questa formula al problema sollevato da Laura e Paolo, e vediamo come la discussione potrebbe essere affrontatain modo diverso.

Laura: mi sento triste (esprimo lo stato d’animo ) che non abbiamo tempo di parlarci dopo cena (che riguarda una situazione molto specifica) . Possiamo camminare e parlare per mezz’ora (esprimo il mio bisogno positivo) ?

Paolo: Mi sento stanco (come mi sento) dopo aver ascoltato le persone al lavoro tutto il giorno (riguardo una situazione molto specifica) . Per favore, lasciami riposare per un po’ (esprimi un bisogno positivo) .

Laura: Temo (come mi sento) che ti addormenti sul divano e non ti sveglierai finché non è troppo tardi per camminare (per una situazione molto specifica) . Voglio che tu riposi. Mi piacerebbe se ti riposassi per un’ora, poi camminassi con me. Se ti addormenti, vorrei svegliarti (esprimere un bisogno positivo).

Paolo: È giusto. Facciamolo.

Sebbene una risoluzione non sia garantita, un’efficace lamentela consente ai coniugi di impegnarsi in conflitti e di ottenere risoluzioni che la critica mette fuori portata. Quando le risoluzioni sono fuori portata, non deve interrompere la relazione o succhiarne la felicità.

L’ingrediente segreto

Un conflitto perpetuo nella relazione di coppia, ad esempio può derivare dalla tendenza di uno dei due partner a sbarazzarsi di cose che non usano da un po’di tempo. Tuttavia l’altro è un risparmiatore. Dopotutto, ritiene che non sai mai quando potresti aver bisogno di qualcosa.

Almeno una volta all’anno, Laura decide di riordinare i vestiti del loro armadio per sbarazzarsi dei capi che non indossano più. Paolo non lo farebbe mai. Laura vestiti dal lato dell’armadio di Paolo di cui non pensa di aver bisogno e li accumula sul suo lato del letto.  Poi Laura dice:” controlla questi vestiti e decidi quali non ti servono. Ci stiamo liberando di tutto ciò che non indossi.”

Prima Paolo si arrabbiava. Adesso ride. Per lui, il comportamento di Paola è diventato prevedibile. Per lei, il mio comportamento è diventato prevedibile. Ride di me mentre scruto la pila di vestiti, tiro fuori una maglietta per liberarmene e appendo gli altri vestiti nell’armadio.

Le coppie soddisfatte delle loro relazioni hanno certamente di cose di cui lamentarsi.  Tuttavia hanno scoperto come lamentarsi senza criticare, considerare in prospettiva i problemi che hanno l’uno con l’altro e usare l’umorismo per rompere la tensione che può portare allo stallo. Se questo non descrive la tua relazione, prova a usare la formula del Dott. Gottman per lamentarti, aggiungi una dose di umorismo e vedi dove conduce.

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy