Come aiutare il tuo partner quando è in lutto

Non possiamo allontanare il dolore dal partner, questo articolo affronta la difficoltà di due persone in lutto per una persona e come la perdita può influire sulla relazione di coppia.

Il modo in cui i partner si trasforma dopo una perdita può avere un profondo impatto sulla relazione, rafforzandola o rendendola più vulnerabile. Idealmente, un partner sa cosa fare e dire, ma molte persone si chiedono come rispondere.

Una mia cliente, mi ha raccontato quanto fosse meraviglioso il suo compagno, quando perse sua madre: “La notte in cui morì, quando chiamai, non disse nulla. Si avvicinò e mi abbracciò mentre piangevo, sdraiato a letto con me, non ero sola. Non ha mai espresso banalità, o condoglianze in modo tipico. Mi ha dato lo spazio per fare i conti con una perdita che ogni persona può solo capire come gestire a modo suo. “

Nelle relazioni a lungo termine, è probabile che uno o entrambi i partner sperimentino la morte di una persona cara; sapere come supportarsi a vicenda nel miglior modo possibile è prezioso. 

Solitamente ciascun partner ha relazioni molto diverse con i propri genitori – quindi è importante pensare a cosa faremo quando sarà il momento e come ci aiuteremo a vicenda.
Bene, ci stai già pensando! Molto probabilmente, i tuoi genitori moriranno prima di te. Il tempo di conversare in questo modo è prima che qualcuno muoia.

 Pratichiamo esercitazioni antincendio, in modo che in caso di emergenza queste cose non siano nuove per noi. È davvero difficile quando sai affrontando un lutto avere una conversazione con il tuo partner riguardo ai tuoi bisogni emotivi. .

Puoi fare alcune ipotesi, ma fino a quando non sarai nella situazione, non lo saprai. Ma aprendo prima quelle conversazioni, sarai in grado di dire cose del tipo: “So che ne abbiamo parlato e ho pensato che avrei avuto bisogno di questo, ma questo è diverso da qualsiasi cosa mi aspettassi. Possiamo provare quest’altro invece? ”

Quindi, quale può essere il ruolo di un partner in un momento di dolore? Possono davvero fare qualcosa?
Bene, sì e no. Guardiamo le persone che amiamo e le vediamo soffrire e vorremmo togliergli quel dolore. Questa è una normale risposta umana. Ma non puoi. In realtà non è possibile.

Tutte le cose che normalmente pensiamo di dire, come “Tuo padre non vorrebbe che tu fossi triste”, o “Tua madre ha vissuto una bella vita lunga” non funzionano. Nota la seconda metà di quella frase, o quelle che chiamo le parole fantasma. C’è un implicito “… quindi, smetti di sentirti così male.”

Se ti vedo e dico: “Che succede?” e tu dici: “Il mio cane è davvero malato, e non sappiamo se ce la farà”, e io dico: “Beh, almeno c’è il sole!” Ho completamente respinto quello che mi hai appena detto, anche se ho fatto quello che penso che dovrei fare, il che è tirarti su di morale e dirti di guardare il lato positivo. La cosa più utile da ricordare per le persone è che non è il tuo compito eliminare il dolore del partner. Il tuo compito è accompagnarlo al suo interno. E sarà un percorso diverso per ognuno di noi.

Quindi, ci sono cose concrete e universali che qualcuno può fare per aiutare il proprio partner?
Quando muore un familiare/amico del partner, la vita intorno a lui continua ancora. Potrebbero esserci dei bambini che devono essere curati, del bucato che deve essere fatto, un cane che deve essere portato a spasso – qualunque cosa tu possa fare per prendere in carico le attività della vita quotidiana, possono essere utili affinché quella persona si conceda la possibilità di senire la propria sofferenza, esprimerla, condividerla.

Cosa c’è di difficile nel dolore, in particolare nelle relazioni affettive? 
 Una cosa davvero importante da ricordare è che tutti soffrono in modo diverso e anche quando una persona muore, ognuno di voi in realtà non è in lutto per la stessa persona, ma per una persona diversa. In realtà è come se aveste perso due persone diverse.

Ci sono delle differenze di genere, spesso la persona identificata dal maschio sente di dover essere forte o coraggioso per la famiglia o di tenere dentro la propria sofferenza. Questa persona può sentirsi dire dal suo partner: “Perché non provi emozioni? Non riesco nemmeno ad alzarmi dal letto perché sto piangendo così tanto e tu sembri essere stoico e stare bene. ” Una persona piange, un’altra persona no. Qualsiasi espressione di dolore è normale. Ognuno ha il diritto di addolorarsi in modo diverso.

Quindi cosa fai quando entrambi soffrono la stessa persona?
Idealmente, se sei l’unico a essere in lutto, puoi dire: “Mio padre è morto e voglio riconoscere il fatto che tuo suocero è morto, e questo avrà un impatto anche su di te. Non so quanto sarò disponibile per parlarne con te, ma voglio farti sapere che lo vedo. E al meglio delle mie capacità, sono disposto ad ascoltare com’è questo per te. “

Cosa diresti quindi alle coppie su cosa potrebbe aiutarli entrambi a superare il processo di lutto?
Il tempo per prepararsi a queste cose è nella vita quotidiana prima del dolore. Ciò significa avere conversazioni stimolanti su ciò che ti serve, su cosa non è necessario e su come gestirlo insieme. Quelle non sono conversazioni facili. Questo è il motivo per cui tengo davvero ad abituarmi a quelle che i terapeuti chiamano “conversazioni di processo”, al di fuori di un’emergenza, come la perdita di una persona cara. Molte persone hanno un’avversione per questo tipo di conversazioni perché non è normale per noi.

Il dolore fa emergere tutti questi sentimenti di cui abbiamo esperienza limitata. Soprattutto per le coppie, altera drasticamente la vita quotidiana e le piccole cose che diamo per scontate possono diventare davvero difficili. Ad esempio, quando va bene per me iniziare a provare a ricominciare a fare sesso? In un mese? La notte successiva? Dovrei provare attivamente a coinvolgere il mio partner su ciò che stanno provando? Aspettare che l’altro di senta meglio? Non sappiamo cosa stiamo facendo.
Sì! “Quando va bene invitare il mio partner a fare di nuovo sesso dopo la morte del padre?” Bene, non lo sappiamo. Ma sai cosa puoi fare? CHIEDI! Queste sono domande di cui dovremmo parlare di più. Puoi dire qualcosa del tipo: “Non sono davvero sicuro di quali siano i tuoi indizi che ti senti pronto per iniziare. Possiamo parlarne? Essere disposti a parlarne è la chiave!

Nella mia esperienza, le persone hanno davvero paura di sembrare sciocche o bizzarre. Sono una forte sostenitrice della prefazione di conversazioni come questa con:

“So che potrebbe sembrare strano, ma …”
Precisamente. Potresti avere paura che sarà strano o imbarazzante, ma tesoro, è tutto imbarazzante. Puoi ignorare il problema, magari lasciando peggiorare le cose, oppure puoi affrontarlo e sentirti strano e avere molte più possibilità. Entrambi i percorsi sono scomodi. Solo uno ti prepara per un potenziale successo.

Cosa c’è di sbagliato nella nostra cultura riguardo al dolore?
Poiché non tendiamo a parlare del dolore nella nostra cultura, abbiamo davvero distorto le idee su ciò che è normale. La prima cosa è che il dolore dura finché dura l’amore. Quando tuo padre muore, non ci sarà più tempo in futuro in cui smetterai di perderlo. Sarà sempre tuo padre. Finché amerai tuo padre, ci sarà il dolore. Il dolore cambierà e non cambierà: non è che resterai in un angolo per il resto della tua esistenza.

Non c’è niente di sbagliato nel dolore e penso che sia sorprendente per le persone.  Poiché non parliamo del dolore come parte normale delle relazioni, non sappiamo cosa sia normale e salutare e tutti soffrono in modo diverso. Qualcuno potrebbe trovare conforto nell’umorismo, mentre qualcun altro no. Solo perché il dolore può sembrare disordinato ed emotivo, non significa che ci sia qualcosa di sbagliato in esso.

Ricorda, cerca un aiuto professionale ai primi segnali di allarme delle difficoltà relazionali. Aspettare troppo a lungo non ne vale mai la pena, perché rimani bloccato in schemi negativi di interazione che diventano sempre più automatici, rigidamente radicati e sempre più difficili da cambiare.

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy