Il coronavirus può infettare anche la coppia?

La pandemia di coronavirus sta minacciando la salute individuale ma pare stia mettendo a rischio anche la salute della relazione di coppia. Come intervenire per sviluppare “anticorpi” efficaci.

Improvvisamente stiamo tutti combattendo con i nostri partner: era il trentesimo giorno di quarantena del coronavirus quando accadde, erano quasi le 9:00 e Martina ha detto al suo partner, Filippo, che dovevano parlare.

“Vuoi qualche consiglio?” Gli ha chiesto in modo aggressivo.

“No”, ha risposto Martina in modo deciso.

Ma Filippo ha iniziato a dargli consigli su come gestire meglio le pressioni che stavano subendo lavorando da casa, gestendo i bambini e sopravvivendo allo stress del coronavirus.

Se la tua relazione di coppia è così (e molte coppie sembrano essere nella stessa barca), potrebbe essere improvvisamente sottoposta a nuovi tipi di pressione, e in questo momento molte delle nostre relazioni potrebbero sentirsi come “piegate” da questo sforzo. 

Se ti sembra che il tuo rapporto di coppia non possa sopravvivere al coronavirus, non sei solo. Gli esperti affermano che i conflitti relazionali non sono solo comuni, ma sono prevedibili durante i periodi di turbolenze estreme, come quello che stiamo affrontando.

L’esperto di relazioni Dr. John Gottman usa il termine “alluvione” per descrivere cosa succede al nostro cervello durante situazioni di ansia elevata quando i sistemi fisiologici del corpo rendono quasi impossibile il funzionamento delle nostre cortecce prefrontali, la parte del nostro cervello responsabile della complessa risoluzione dei problemi .

La minaccia del coronavirus è particolarmente snervante perché rappresenta molto più di un solo pericolo: la nostra salute fisica, la sicurezza finanziaria, le situazioni lavorative e la copertura dell’assistenza all’infanzia stanno cambiando e / o sono di nuovo a rischio.

Se le paure relative al coronavirus stanno scatenando la tua ansia, è probabile che essa influenzi il modo in cui ti relazioni con il partner. La paura contribuisce enormemente al nostro conflitto con l’altro, quando siamo spaventati, il nostro sistema nervoso entra in azione, il che attiva la risposta di lotta o quella difuga. In questo stato, è difficile essere in grado di parlare con i nostri partner in modo efficace.

La paura ci induce ad agire la nostra reattività emotiva, ad esempio alzando la voce, piuttosto che ad individuare modalità di risposta che attivino le nostre capacità di autoregolazione, ad esempio fare qualche respiro profondo prima di parlare.

Secondo il dott. Gottman, si tratta di un vero e proprio “dirottamento emotivo” che segue questa “inondazione” prodotta dall’intensità dellìemozione, esso è il segno distintivo del nostro sistema nervoso in quel momento sta fronteggiando una sfida eccessiva per le sue capacità di tolleranza.

Quando reagiamo nella morsa dell’inondazione emotiva, facciamo e diciamo il tipo di cose che possono scatenare inondazioni emotive nel nostro partner. A quel punto entrambi i membri della coppia hanno perso il controllo, e sono in una condizione di disregolazione emotiva.

Troppi cambiamenti, troppo in fretta

L’aumento dei conflitti può in parte essere dovuto all’interruzione delle nostre routine, alla perdita di impegno in attività significative (come lavorare, vedere amici, andare in palestra) e sentimenti difficili che ne derivano, come incertezza, paura e preoccupazione.

È come un “schiaffo” per Martina ricordare che solo due settimane fa, lei e il suo compagno stavano programmando una spensierata vacanza estiva. E ora, non sono nemmeno sicuri di come affrontare la settimana lavorativa o di come relazionarsi con i figli, garantendo anche che i rispettivi genitori anziani siano al sicuro. Per non parlare dell’impatto economico, è sconcertante solo il pensiero. Tutto questo, tutto insieme sembra sia davvero troppo da accettare. L’impatto di questa pandemia sulle nostre relazioni più intime è davvero senza precedenti. Non è diverso dall’11 settembre.

couple with covid 19 sick in world map vector illustration design

Il coronavirus e le sue ricadute diventeranno come un nuovo “prima e dopo” in tutte le nostre vite. Avevi delle aspettative su come doveva andare la tua vita e le hai viste sovvertirsi senza avere alcun controllo su di esse. Tutto questo crea ansia, incertezza e squilibrio. Naturalmente reagiamo nei modi che sono più facili per noi: rabbia, tristezza, sono reazioni naturali perché siamo in una ocndizione di squilibrio emotivo.

L’esperta di relazioni Esther Perel, nel suo bestseller Mating in Captivity, descrive il paradosso centrale delle relazioni come la spinta del voler stare insieme e il bisogno continuo di separazione. “L’amore si basa su due pilastri: la resa e l’autonomia. Il nostro bisogno di stare insieme esiste insieme al nostro bisogno di separazione. Uno non esiste senza l’altro”.

“Ma troppa fusione sradica la separazione di due individui distinti. Quindi non c’è altro da trascendere, nessun ponte su cui camminare, nessuno da visitare dall’altra parte, nessun altro mondo interno in cui entrare. Quando le persone si fondono, quando due diventano una cosa sola – la connessione non può più avvenire. Non c’è nessuno con cui connettersi. Quindi la separazione è una condizione preliminare per la connessione: questo è il paradosso essenziale dell’intimità e del sesso “.

Ecco perché la distanza rende il desiderio dell’altro più intenso, infatti ti senti particolarmente innamorato del tuo partner quando sei via per un viaggio di lavoro.

E ora, da un giorno all’altro, molti di noi stanno sperimentando più unità di quante le nostre relazioni possano gestire.

È normale desiderare più spazio dai nostri partner, in particolare quando il cambiamento forzato è arrivato all’improvviso e senza altra opzione. Quindi, se hai voglia di correre fuori dalla porta senza guardare indietro, sappi che può essere un impulso del tutto normale.

Il carico di maternità + paternità

La preoccupazione e il drammatico cambiamento nella routine per le famiglie si sta manifestando per molte coppie alimentando il conflitto su come gestire la genitorialità e il lavoro. Chi è incaricato di assicurarsi che i bambini facciano i compiti quando tutti improvvisamente sono genitori a casa? Chi si occupa del bucato, delle bollette, dei pasti, delle pulizie: tutto il lavoro colloquialmente noto come ” il carico mentale della maternità ?”

Per le donne che spesso si trovano a svolgere il ruolo del genitore “predefinito”, facendo tutto il lavoro fisico e mentale della genitorialità senza riconoscimento o sostegno, il risentimento sta aumentando.

Cosa fare?

Se senti la vera minaccia del coronavirus sulla tua coppia, fai un respiro profondo e purificante. Siamo tutti sotto enorme stress, quindi il primo passo è riconoscere quanto siano diventate scoraggianti le nostre vite, e cosa possiamo fare al riguardo aiuta a calmare il nostro sistema nervoso e ci sposta dalla modalità di volo o di combattimento a una modalità di pensiero, relazione e risposta più deliberata.

E una volta che ognuno di noi ha riconosciuto la pressione a cui siamo sottoposti come individui, possiamo iniziare a riconoscere la pressione che avvertono anche i nostri partner.

Suggerisco quindi alle coppie di vedere questo momento come “un invito” a trasformare le loro relazioni in meglio. Chiediti: “È una scusa per ripetere il comportamento abituale o un ostacolo da superare? Quale sceglierai? Sceglilo come ostacolo da superare, insieme”. Per coloro che in relazioni in cui questa esperienza non è altro che stress, è importante dare la priorità al prendersi cura di sé e se non basta cercare uno psicoterapeuta che offra sedute on line.

Quindi, come puoi mantenere la pace nella tua relazione quando tutto è così stressante e incerto?

Ciò di cui i partner hanno bisogno in questo momento è uno spazio per sentirsi sicuri, protetti e connessi. 

Ora non è il momento di risolvere quel grosso problema che hai riscontrato con i tuoi suoceri.

Ora è il momento in cui devi presentarti al tuo partner per far gli sapere che sei lì per lui.

La dott.ssa Sue Johnson, nel suo libro Stringimi forte , descrive le coppie che hanno bisogno di tre cose per creare sicurezza e connessione in una relazione: la chiama conversazione ARI, che sta per:

Accessibilità: ci sei per me?

Reattività: mi risponderai?

Coinvolgimento: ti impegnerai con me?

Ecco alcune frasi per aiutarti a costruire la sicurezza e disinnescare i conflitti di cui le coppie hanno bisogno ora più che mai.

1. ” Stai facendo il meglio che puoi. Lo vedo.”

Fai sapere al tuo partner che vedi tutto quello che sta facendo, anche se a volte vedi cose che non sta facendo. Ancora meglio, sii specifico nel tuo elogio: “Ho davvero apprezzato quando tu …”

2. “Sono qui per te. Dimmi cosa sta succedendo a te.”

Fai pratica ascoltando ciò che il tuo partner sta dicendo. Non è necessario discutere se ciò che sta dicendo è giusto o sbagliato. Devi semplicemente ascoltarlo. Dagli spazio perché le sue emozioni possano essere ascoltate. Questo dimostra che sei accessibile. Stai dicendo: “Ti presto attenzione”.

3. “Voglio conoscere le tue preoccupazioni e paure. A volte parlarne aiuta. Le ascolterò.”

Ci sono così tante emozioni che stanno arrivando proprio ora. Un modo sano per affrontare le emozioni è parlarne. Fai spazio a ciò che ti dice il tuo partner. Qui stai facendo sapere al tuo partner che possono dipendere da te.

4. “Stai succedendo qualcosa di importante. Come posso supportarti?”

Mostra che sei disposto a supportare il tuo partner con questa frase, che risponde alle domande “Siamo insieme ad affrontare tutto questo?” e “Vedrai che anch’io ho bisogno di te?”.

5. “È un momento così difficile e vedo che stai davvero lottando con …”

Quando il tuo partner sta lottando, si chiede se te ne accorgi. Dobbiamo avere empatia l’uno per l’altro. Questa affermazione mostra reattività: stai rispondendo al tuo partner in un momento di necessità e facendogli sapere che sei in sintonia con tutto ciò che sta vivendo.

6. “Anch’io ho avuto difficoltà in questo. Posso parlarti di alcune delle mie preoccupazioni e paure?”

Un aspetto chiave di una relazione sana è la reciprocità nel condividere le nostre vulnerabilità. Spesso i partner diranno “Non voglio caricarti delle mie preoccupazioni”. Ma il tuo partner deve sapere cosa sta succedendo dentro di te e si sente più connesso a te quando rischia di essere visto per la sua lotta.

Infine, ricorda che a volte non abbiamo bisogno di parole, dobbiamo solo sapere che i nostri partner ci terranno vicini. Abbracciarsi, tenersi per mano e coccolarsi vicino al divano sono tutti grandi gesti di sicurezza e conforto che materializzano l’atto di volgersi verso i nostri partner.
La forza del tuo legame non viene dai grandi momenti. Viene dalle piccole cose che puoi fare l’una per l’altra, ogni giorno nelle prossime settimane. 

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy