Se il trauma rivive nella relazione di coppia

Potremmo non essere responsabili del mondo che ha creato le nostre menti, ma possiamo assumerci la responsabilità della mente con cui creiamo il nostro mondo

Gabor Maté

Il nostro passato potrebbe aver scritto la sceneggiatura, ma come rispondiamo al presente ci consente di scrivere una nuova sceneggiatura.

Se hai sperimentato un trauma nel tuo passato, anche se è stato molto tempo fa, potresti avere difficoltà nel presente che generano ostacoli frustranti nella tua relazione di coppia attuale. Il trauma ha un impatto sul sistema nervoso facendolo passare da una modalità di funzionamento finalizzata alla connessione con l’altro a una modalità di sopravvivenza. 

Di solito pensiamo al trauma come a qualcosa di ovvio e drammatico: stupro, guerra, disastro naturale, violenza. Oggi  le neuroscienze ci aiutano a comprendere che ci sono condizioni meno drammatiche, ma non meno dirompenti, che causano traumi e, più tardi nella vita, risposte al trauma. A volte questi sono ovvi come gli eventi che hanno generato un disturbo post traumatico da stress, ma spesso sono molto meno evidenti, come schemi di relazione e aspettative emotive, che sembrano quasi parte della tua personalità.   

Forse ti chiedi se la tua relazione di coppia attuale è penalizzata dal tuo trauma passato. Forse noti qualcosa che “risuona” emotivamente nelle tue risposte o schemi in cui ti “immobilizzi” ad esempio nella sessualità. 

In questi casi, sei un sopravvissuto! Devi sapere che le risposte al trauma che hai nella vita adulta non sono in alcun modo colpa tua. Ma ora che sei un adulto, quelle reazioni sono sotto la tua responsabilità, ovvero ora tocca a te prenderti cura di queste ferite per avviare un processo di guarigione. 

Identificare le vulnerabilità durature

Anna si preoccupa che il suo partner Paolo sia davvero egoista e poco riconoscente di quanto lei dà nella relazione. In verità, il suo partner non le sta chiedendo, ma lei si sta sforzando di “fare” per lui. Questo è un modello difensivo inconscio che ha sviluppato come risposta a un trauma relazionale: negligenza e abuso da parte dei suoi genitori durante l’infanzia. 

Anna ha un forte impulso ad anticipare i “bisogni” di suo marito e a soddisfarli tutti termpestivamente, in realtà lui non sente o non si sintonizza con le sue vere richieste. Paolo dice “No, grazie. Spesso le suggerisce di concentrarsi sui propri interessi anziché su di lui,  Non vuole davvero che lei faccia così tanto per lui. Il suo comportamento sta creando disconnessione proprio nel momento in cui Anna sta per connettersi.  

Quindi Anna si sente arrabbiata, insicura e frustrata. Attacca Paolo per la sua mancanza di apprezzamento, chiedendosi se è veramente egoista. L’ipervigilanza programmata nel suo sistema nervoso la rende rigidamente incapace di cambiare il suo modello di “esagerato accudimento” per lui, e i tentativi che lei fa per ottenere la sua approvazione sono totalmente “surriscaldati” dalla rabbia.  

Le prove del suo trauma passato si intrecciano attraverso la storia attuale. Ma purtroppo, anche la pazienza di Paolo su non le ha permesso di cambiare rotta, una volta che percpisce gli impulsi del trauma relazionale che attivano risposte difensive nel suo sistema nervoso. La loro confusione e il loro dolore li hanno portati a una terapia di coppia dove hanno appreso che il trauma ha creato per Anna quella che chiamiamo “vulnerabilità duratura” in terapia di coppia. Questa è la ferita o la difficoltà del passato che influisce sulla relazione presente.   

Gestire le aspettative inconsce

Anna è alle prese con le aspettative. Si aspetta che Paolo richieda la sua costante attenzione e supporto. Quando non l’apprezza per tutto quello che fa per lui, è confusa e sente invece che la critica. Ora si chiede se sia egoista e narcisista. Si aspetta che attraverso il suo dare a lui, riceverà cura e valore. 

Le aspettative inconsce create da coloro che ci hanno ferito in passato vengono proiettate sulle nostre attuali figure di attaccamento, in particolare i partner.  

È come se Anna e Paolo stessero interpretando sceneggiature diverse mentre cercavano di interpretare la stessa scena in un film. Paolo potrebbe interpretare una sceneggiatura che ha appreso inconsciamente durante l’infanzia (chiamato modello operativo interno), oppure potrebbe essere che stia improvvisando, seguendo ciò che sembra vero e giusto nel qui e ora.  

Anna, tuttavia, sta seguendo una sceneggiatura del trauma. Ma quello che sembra dovrebbe funzionare dalla sceneggiatura che sta seguendo le fa ottenre solo il contrario di quello che si aspetta. Invece del suo apprezzamento, riceve una critica. Questo perché ciò che sta facendo non si allinea o si sintonizza con la realtà dei suoi reali sentimenti e bisogni.   

Paolo dice che vuole che lei smetta di fare così tanto per lui. Eppure, se dovesse davvero cambiare quello che fa, si sentirebbe in preda al panico e alla paura. Una preoccupazione irrazionale potrebbe prendere il sopravvento, forse collegata alla paura dell’abbandono. Risuonerebbe come “vero” nel suo corpo e se quella convinzione basata sul corpo avesse parole, potrebbe dire qualcosa del tipo: “Non importa quello che dice, si aspetta davvero che io risolva tutto per lui, e se non lo faccio “mi abbandonerà o mi farà del male. Sono preziosa solo quando soddisfo i suoi bisogni. ” 

Queste sarebbero le potenti credenze del suo bambino interiore ferito. È come se il bambino interiore stesse cercando di aiutare Anna guidandola verso la recitazione di un ruolo secondo la vecchia sceneggiatura che l’ha tenuta al sicuro in passato. 

Il motivo per cui è così doloroso è che Paolo non può avere una relazione con un ruolo o una performance. Può solo connettersi con la vera Anna. La cosa così frustrante per le coppie che affrontano il trauma è che proprio nel momento in cui pensi di connetterti, nel caso di Anna, aiutando suo marito, il trauma ha in realtà attivato il suo sistema nervoso e l’ha trasformata da un modello di connessione a un modello di protezione.   

Quindi questo schema – interpretare questo ruolo di supporto al marito, che lo richieda o no – è in realtà una difesa. L’aspetto critico delle difese è che mentre ci proteggevano dalle minacce in passato, ci ostacolano da una vera connessione nel presente, quando non esiste una vera minaccia.  

Nessuno può connettersi alle difese di un’altra persona.  

Molte persone hanno difficoltà con questo problema. E questi schemi difensivi possono assumere molte forme. 

La difesa blocca la connessione 

La mia cliente Giovanna venne a trovarmi con suo marito Daniele. Giovanna era depressa, anche se tutto nella sua vita avrebbe dovuto renderla felice. Ma Giovanna era costantemente esausta e di cattivo umore. Si lamentava di essersi sempre sentita indietro al lavoro, e anche nei suoi compiti a casa, eppure non poteva mai prendersi una pausa. Se non poteva essere felice, nemmeno Daniele, e nella loro difficoltà, si erano separati.  

Ecco cosa mi ha descritto Daniele.

“Se c’è un carico di asciugamani da mettere in lavatrice, non riesce a dormire la notte.È una perfezionista totale nella nostra casa e ogni pasto deve essere cucinato da zero da un libro di cucina gourmet”.

“È vero” concordò Giocanna.  

Giovanna stava facendo la casalinga perfetta mentre cercava anche di essere una lavoratricedi prim’ordine. Tutto questo, oltre a essere genitore del loro bambino con Daniele.  

Potresti aver notato la ripetizione di una parola chiave qui: dovrebbe. 

Noi terapeuti facciamo una battuta seccante su quella parola: “Non dovresti avere te stesso”.

Se noti che pensi spesso dovrebbe, presta attenzione! È probabilmente dovuto alla paura di essere ferita proveniente da una vecchia sceneggiatura. Il copione del dovrebbe essere spesso è collegato alla vergogna. Le persone in questo senso faranno qualsiasi cosa sentano di “dover” fare, per evitare il dolore della vergogna che le ferite da trauma possono scatenare. Ma quando notiamo che ci stiamo costringendo ad da una sceneggiatura “dovrebbe”, vediamo un posto dove iniziare il processo diguarigione! 

Mantenere le cose in perfetto ordine era, per Giovanna, una mossa protettiva per evitare la vergogna e il disprezzo di sé. Era la sceneggiatura che seguiva da bambina con la madre e il patrigno. Da quando aveva nove anni, ha dovuto prendersi cura dei bambini più piccoli del marito di sua madre. 

È cresciuta vivendo in un ambiente di abbandono emotivo, respingendo i propri bisogni e sentimenti. Giovanna ha anche subito abusi emotivi quando le è stato detto che i suoi bisogni non avevano importanza. Ricordava alcuni episodi di abuso fisico: conflitti quando sua madre la schiaffeggiava o le tirava i capelli.  

Ora, molti anni dopo, seduta nel mio studio, Giovanna riflette con nuove intuizioni sul seguire la sua sceneggiatura. “Vedere i risultati di tutto il mio lavoro, essendo tutto perfetto, mi ha davvero calmato per un secondo. Mi ha sicuramente fatto sentire al sicuro, come se nessuno potesse biasimarmi o farmi del male. Non mi farò prendere dalle cose lasciate in sospeso. ” I suoi occhi si riempirono di lacrime, “Sembra sicuramente folle sentirmelo dire ad alta voce.”  

Daniele allungò le prese la mano. “Mi dispiace di averti criticato per questo. Deve essere così difficile “, sussurrò. 

“E te l’ho buttato addosso,” continuò, “come se tu fossi quello che sarebbe arrabbiato se gli asciugamani non fossero puliti o la cena non fosse perfetta. Non era giusto.”  

“Davvero non avrebbe potuto importarmene di meno”, scrollò le spalle.

“Adesso lo so.” 

Imparando a mantenere una connessione emotiva sicura con Daniele, Giovanna è stata in grado di sentire e credere alla verità: che Daniele la ama e laaccetta così com’è, senza richiedere alcuna performance. Non l’avrebbe disapprovata o abbandonata se non avesse realizzato tutti i “doveri”. Daniele non si collegò con le difese di Giovanna, ossia i comportamenti che esibiva per compiacerlo. Ciò che entrambi volevano e di cui avevano bisogno era la vera connessione nel qui e ora, o ciò che chiamiamo sintonizzazione.

“Puoi permettere al suo contatto di calmarti, adesso?” Ho chiesto a Giovanna. “Rilassa il tuo corpo. Rilassa la mascella e lascia che tutto dentro di te sia morbido e sicuro. Vedi se riesci ad aprirti al calore e alla calma della presenza amorevole di Daniele. “

Chiuse gli occhi e prestò attenzione alla connessione con Daniele. Un lieve sorriso le arrivò sulle labbra. “Io posso sentirmi al sicuro con te,” lo rassicurò.  

A casa, Giovanna ha continuato a esercitarsi prestando attenzione attenta a sentire la connessione sicura e amorevole con Daniele. Lasciò entrare il suo amore, tollerando allo stesso tempo il disagio di lasciar andare i suoi vecchi copioni. 

Lei e Daniele si esercitavano ad entrare in sintonia con il vissuto dell’altro. Si guardarono negli occhi quando si sentivano sicuri e discutevano delle loro reali emozioni e necessità nel momento presente, evitando “i bisogni”.  

Ma quando era sotto stress, Giovanna imparò a confidarlo con Daniel. “Sto lottando per non sentirmi sopraffatto. Come se dovessi fare di più. ” E l’aiutò ad ammorbidire e respirare profondamente per calmare l’iperattivazione emotiva, e quindi sfidare la vecchia convinzione in modo che potesse effettivamente cambiare e non seguire la sceneggiatura.  

Alla fine, non sentì più il rimorso compulsivo delle vecchie ferite, che la costringeva a reagire difendendosi alla vecchia maniera.    

Devo aggiungere che Giovanna ha svolto questo lavoro con Daniele nel contesto della nostra relazione terapeutica. Per molte persone, avere il saggio supporto di uno psicoterapeuta esperto nel trauma è di importanza inestimabile.  

Giovanna notò che spesso provava ansia. Non l’aveva mai notata prima, ma la sua agitazione irrequieta l’aveva spinta a difendersi per anni. Piuttosto che seguire la sua vecchia sceneggiatura, ha imparato che ciò di cui aveva davvero bisogno era un abbraccio rilassante e parole rassicuranti. Tutto il suo corpo aveva bisogno di lasciarsi andare per poter cambiare direzione.  

Una volta che sei consapevole delle tue emozioni e le puoi accettare con gentilezza, crescerai nella tua capacità di essere consapevole anche dei sentimenti del tuo partner. Il riconoscimento di sentimenti reali è l’obiettivo, e questo è spesso uno spostamento enorme e difficile per i sopravvissuti al trauma.

Man mano che diventi più consapevole di te stesso, puoi sintonizzarti con il tuo partner, rivolgendoti ai suoi sentimenti con l’accettazione di ciò che è reale per lui. Lascia andare l’ansia per ciò che “dovrebbe” essere. Vedi se riesci a costruire la fiducia e la sicurezza con il tuo partner esercitandoti a dirgli la verità sui sentimenti. Accettare ciò che è reale, piuttosto che interpretare ruoli dai vecchi copioni, porta alla gioia di vivere insieme nel qui e ora.  

E ricorda, i nostri bisogni più veri sono per relazioni sane e sicure, sia con un partner romantico, amici intimi o comunità. Di solito è nelle relazioni che siamo rimasti feriti e sarà attraverso le relazioni che guariremo.  

* Alcuni nomi e dettagli identificativi sono stati modificati per proteggere la privacy delle persone.

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy