Qual è il tuo stile di attaccamento?

L’attaccamento è una relazione emotiva speciale che comporta uno scambio di conforto, cura e piacere. Le radici della ricerca sull’attaccamento sono iniziate con le teorie di Freud sull’amore, ma un altro ricercatore è generalmente accreditato come il padre della teoria dell’attaccamento.

John Bowlby dedicò ampie ricerche al concetto di attaccamento, descrivendolo come “una connessione psicologica duratura tra esseri umani”.

Perché è importante il mio stile di attaccamento?

Il nostro stile di attaccamento è ancora in gioco nelle nostre relazioni romantiche adulte. 

L’attaccamento genitore-figlio pone le basi per la nostra capacità di fidarci che i nostri partner adulti soddisfino i nostri bisogni emotivi.

Il nostro stile di attaccamento diventa un modello per il resto delle nostre relazioni significative. Il nostro stile di attaccamento influisce sulla scelta del partner e su come ci relazioniamo con lui/lei. Inconpsapevolmente tendiamo a ripetere questi schemi di attaccamento con nuove persone come un modo per trovare conferme delle nostre credenze su noi stessi. Questo è il motivo per cui le persone spesso si sentono bloccate negli stessi di schemi di relazione.

Ad esempio, molte persone che hanno sviluppato uno stile di attaccamento ansioso si incontrano o sposano gli persone con stile di attaccamento evitante, che non sembrano mai dare loro abbastanza vicinanza e rassicurazione. Ciò conferma le paure dell’abbandono e la convinzione di essere imperfetto o non amabile.

Comprendere il tuo stile di attaccamento è utile non solo perché ti fornisce approfondimenti sulla tua relazione con i tuoi genitori e su come ti sentivi da bambino, ma può anche aiutarti a capire le difficoltà che hai nelle relazioni adulte e, in particolare nella relazione di coppia. 

In definitiva, comprendere il tuo stile di attaccamento può aiutarti a capire come puoi cambiare per avere relazioni più soddisfacenti. In altre parole, avere una relazione sana riguarda la scelta del partner “giusto” e lo sviluppo di un attaccamento sano e sicuro.

Caratteristiche

Bowlby riteneva che ci fossero quattro caratteristiche distintive dell’attaccamento:

1-Mantenere la prossimità: il desiderio di stare vicino alle persone a cui siamo attaccati.

2-Rifugio sicuro: il ritornare alla figura diattaccamento per conforto e sicurezza di fronte a una paura o una minaccia.

3-Base sicura: la figura diattaccamento funge da base di sicurezza dalla quale il bambino può esplorare l’ambiente circostante.

4-Ansia da separazione: si verifica in assenza della figura dell’attaccamento.

Com’è il tuo stile di attaccamento sicuro, evitante o ansioso?

Se hai una relazione infelice, ti senti bloccato in uno schema di relazioni fallite o non riesci a trovare il partner giusto, il tuo stile di attaccamento potrebbe essere la ragione. Impariamo tutti sulle relazioni umane dai nostri primi rapporti – quelli con i nostri genitori o le figure di accudimento. Comprendere il tuo stile di attaccamento può aiutarti ad arrivare alla radice dei tuoi problemi di relazione.

Idealmente, i genitori forniscono sicurezza e protezione e i bambini imparano a fidarsi del fatto che i genitori risponderanno alle loro esigenze. I genitori offrono conforto e aiutano a calmare i loro bambini quando sono turbati o spaventati. Di conseguenza, i bambini formano un legame con i loro genitori che crea una base emotiva sicura. I bambini possono quindi esplorare con fiducia il mondo sapendo che i loro genitori li terranno al sicuro.

Sappiamo che gli umani devono connettersi e dipendere l’uno dall’altro. La nostra sopravvivenza dipende da questo! Entrare in connessione emotiva con gli altri  è salutare anche nelle relazioni adulte. Abbiamo più successo e felicità quando possiamo formare attaccamenti sani e fiduciosi con gli altri umani.

“Non dobbiamo fare tutto da soli. Non siamo mai stati pensati per questo. ”  Brené Brown

Esistono tre stili di attaccamento principali: sicuro, evitante e ansioso. Di seguito ho descritto ogni stile di attaccamento.

1. Attaccamento sicuro

Da bambini

  • Sono in grado di separarsi dal genitore
  • Cerca conforto dai genitori quando è spaventato
  • Saluta il ritorno dei genitori con emozioni positive
  • Preferisce i genitori agli estranei

Da adulti

  • Avere relazioni fiduciose e durature
  • Tendono ad avere una buona autostima
  • Sono a tuo agio nel condividere sentimenti con partner e amici
  • Cerca supporto sociale
  • Hai avuto le tue esigenze soddisfatte da bambino. I tuoi caregiver erano attenti e sensibili alle tue esigenze, aiutandoti a sentirti al sicuro e curato.
  • Ti senti a tuo agio nell’essere vicino ed emotivamente intimo .
  • Cerchi e mantieni relazioni strette e stabili.
  • Ti senti a tuo agio nell’esprimere i tuoi sentimenti e le tue esigenze.

2. Attaccamento evitante 

Da bambini

  • Può evitare i genitori
  • Non cercare molto contatto o conforto dai genitori
  • Mostra poca o nessuna preferenza per i genitori rispetto agli estranei

Da adulti

  • Potrebbe avere problemi di intimità
  • Investi poca emozione nelle relazioni sociali e romantiche
  • Non disposto o incapace di condividere pensieri o sentimenti con gli altri
  • Le tue figure di accudimento erano probabilmente distanti, freddi o non rispondevano alle tue richieste di attenzione. Di conseguenza, sei diventato più indipendente e autosufficiente, non volendo dipendere da persone incoerenti.
  • Le relazioni strette tendono a sembrare soffocanti e come se ostacolassero la tua indipendenza.
  • Ti allontani dall’intimità quando ti la senti troppo intensa.
  • Hai bisogno di molto tempo per te stesso.
  • Puoi resistere all’impegno.

3. Attaccamento ansioso

Da bambini

  • Può diffidare degli estranei
  • Diventa molto angosciato quando i genitori se ne vanno
  • Non apparire confortato quando i genitori ritornano

Da adulti

  • Riluttanti ad avvicinarsi agli altri
  • Preoccupati che il loro partner non li ami
  • Diventa molto turbato quando finiscono le relazioni
  •  Le tue figure di accudimento erano incoerenti nel soddisfare i tuoi bisogni. Di conseguenza, tieni duro per cercare di soddisfare le tue esigenze.
  • Desideri intimità e ma senti di non avere mai abbastanza vicinanza emotiva.
  • Ti chiedi se il tuo partner ti ama davvero o se sei amabile e cerchi frequenti rassicurazioni.
  • Un attaccamento ansioso può essere descritto come “bisognoso” o “appiccicoso”.
  • Cerchi disperatamente sicurezza e attenzione dal tuo partner, ma questo può allontanarlo.

Come puoi modificare il tuo stile di attaccamento?

Sebbene i modelli di attaccamento siano ben definiti, puoi passare a uno stile di attaccamento più sicuro imparando nuove abilità e provando a sperimentarle quando entri in relazione con l’altro. Alcuni modi per iniziare a cambiare lo stile di attaccamento sono:

  1. Nota i tuoi schemi di relazione. Diventare più consapevoli dei tuoi comportamenti ansiosi o evitanti è il primo passo nel cambiamento.
  2. Presta attenzione a ciò di cui hai bisogno e a come ti senti.
  3. Condividi i tuoi sentimenti con il partner.
  4. Riconosci le distorsioni cognitive (credenze didunzionali che confondi con la realtà) e verifica se il dato di realtà le conferma o le smentisce.
  5. Comunica chiaramente le tue esigenze e le aspettative riguardo alla relazione di coppia al tuo partner.
  6. Prendersi cura di sè stessi.
  7. Fai cose che ti fanno sentire bene con te stesso; riconosci i tuoi punti di forza e i tuoi traguardi.
  8. Inizia un percorso di crescita e cambiamento personale con uno psicoterapeuta (cambiare il tuo stile di attaccamento è impegnativo).
  9. Trascorri del tempo con persone che hanno stili relazionali sane.

Spero che questo articolo abbia fatto un po’ di luce sulla comprensione del tuo stile di attaccamento e su come influenza le tue relazioni adulte. Come sempre, sii paziente e gentile con te stesso mentre ti sfidi a cambiare.

Sharing is caring!

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy