Mi sento vulnerabile nella relazione di coppia e mi spaventa

La vulnerabilità è considerata un ingrediente chiave nelle relazioni sane e soddisfacenti. Ma quando si tratta di essere effettivamente vulnerabili nella vita reale, molti di noi hanno difficoltà ad aprirsi.

Contrariamente a quanto molti credono, la vulnerabilità è una misura della forza e del coraggio, non della debolezza.

Brené Brown, famosa ricercatrice e scrittrice, la definisce come:” il rischio emotivo, l’esposizione e l’incertezza “che alimenta la nostra vita quotidiana”. 

In una relazione affettiva, ciò potrebbe significare innanzitutto dire “Ti amo”, assumerti la responsabilità degli errori che hai commesso, essere tu a suggerire la terapia di coppia o avere il coraggio di dire direttamente al tuo partner ciò di cui hai bisogno.

La vulnerabilità spesso implica esporsi personalmente in un modo che potrebbe potenzialmente portare a sentimenti di vergogna, imbarazzo, autocritica o altre emozioni spiacevoli.

Per quanto rischioso, i vantaggi della vulnerabilità sono abbondanti. Attraverso l’apertura emotiva e la vulnerabilità le persone possono migliorare le loro connessioni emotive nelle relazioni significative e sviluppare la vera intimità.

La vulnerabilità emotiva può essere scoraggiarci e indurci all’evitamento ma vediamo come possiamo esprimerla nella nostra vita relazionale.

Perché lottiamo con la vulnerabilità?

Il dolore che proviamo quando ci sentiamo emotivamnete disconnessi può indurci a nascondere i nostri sentimenti autentici nel tentativo di proteggerci dal rifiuto dell’altro.

Nelle nostre relazioni di coppia, temiamo che esprimere onestamente le nostre insicurezze, bisogni, errori, paure e difetti al nostro partner, lo indurrebbe a cambiere idea su di noi. 

Immaginiamo che saremmo ridicolizzati o considerati troppo rigidi dal partner, che potrebbe giudicarci, frainterci o abbandonarci – tutte prospettive che ci spaventano.

La vulnerabilità comporta la condivisione dei nostri pensieri e sentimenti più intimi con l’altro in modi che possono portare al rifiuto.

 Abbiamo vissuto tutti momenti nella nostra vita in cui le persone ci rispondono in modo deludente. Il dolore della disconnessione emotiva può portare le persone a nascondere i loro sentimenti autentici nel tentativo di proteggersi.

Spesso, per una persona la possibilità di sentirsi a suo agio con la vulnerabilità è legato al modo in cui sono stati cresciuti e ad altre esperienze passate.

 Se i loro genitori o altre figure di accudimento hanno modellato e incoraggiato questo tipo di espressione onesta, un bambino ha maggiori possibilità di essere in grado di connettersi con gli altri in modo simile.

Se mostrare la vulnerabilità quando eri bambino ha determinato un’esperienza sgradevole o dolorosa, è più probabile che avrai difficoltà ad aprirti.

Come essere più vulnerabili

Più ti eserciti e vedi che puoi farlo, più sarai disposto a continuare a correre il rischio di vulnerabilità nella relazione di coppia.

Non sei certamente il solo che sta lottando con la vulnerabilità nelle relazioni affettive. Vediamo quali indicazioni possono esserti di aiuto a riguardo.

Identifica le persone nella tua vita che mostrano vulnerabilità e impara da loro.

Forse è la collega che ha scritto del suo aborto su Instagram o l’amica che è stata abbastanza coraggiosa da chiedere aiuto per affrontare i suoi problemi di dipendenza. 

Circondandoti di persone vulnerabili, potresti assorbire parte della loro autenticità. Lentamente, anche le tue difese iniziano a ridursi.

Non solo può creare conforto passare del tempo con persone che sono emotivamente aperte e vulnerabili, questi tipi di relazioni possono spesso facilitare il tipo di sicurezza interpersonale che ci dà il permesso di condividere più apertamente.

Sperimenta con gradualità.

Coloro che trovano difficile essere vulnerabili con un partner spesso sono rimasti “scottati” da un’esperienza in passato. Quindi non è consigliabile tuffarsi a capofitto nel fare questo tentativo.

Al contrario, prova ad immergerti “in punta di piedi” aprendoti un po’ alla volta, fino a quando non ti senti più a tuo agio nel condividere qualcosa di davvero importante.

Più ti eserciti e vedi che puoi farlo, più sarai disposto a continuare a correre il rischio di essere vulnerabile nell’amore.

Entra in contatto con il tuo mondo interiore.

Quando hai l’abitudine di evitare o reprimere le emozioni difficili, potresti iniziare a perdere di vista come ti senti davvero. Scrivere un diario, fare meditazione oppure iniziare un percorso terapeutico di crescita personale, possono aiutarti a sintonizarti con te stesso e ad esplorarela tua vita emotiva.

Sviluppando un maggiore consuetdine a sperimentare emozioni intense, puoi imparare a condividere i sentimenti vulnerabili in modi che favoriscono la vicinanza e la connessione emotiva con il partner.

La psicoterapia può fornire un ambiente che consente alle persone di sperimentare in modo sicuro una sana vulnerabilità emotiva, la stanza di terapia diventa lo “spazio protetto” all’interno del quale inziare gradualmente a prendersi questo rischio.

Convalida i sentimenti del tuo partner.

I conflitti relazionali sorgono quando un partner trova il coraggio di rivelare qualcosa di vulnerabile e l’altro partner diventa difensivo o inizia immediatamente a offrire soluzioni invece di ascoltare davvero.

Spesso si tratta di andare oltre l’emozionalità del partner ferito o spaventato. 

Innanzitutto, convalida i sentimenti del partner riconoscendogli la loro legittimità.Per convalidare i sentimenti del tuo partner, devi riconoscere il suo vissuto come valido, anche se non sei necessariamente d’accordo con il suo punto di vista.

Ecco alcuni esempi di dichiarazioni di convalida:

 “Oh, posso vedere davvero come hai interpretato ciò che ho detto in quel modo”,

“Deve essere così spaventoso / offensivo / sorprendente per te”,

 o semplicemente “Questo ha senso per me”.

Dopo la convalida, puoi presentare delicatamente il tuo punto di vista e iniziare una conversazione su come affrontare il problema. Prova qualcosa del tipo:

“Non avevo realizzato che tu ti sentissi così, ma posso vedere come è accaduto” o

“Voglio capire come ti senti in modo che possiamo lavorare su una soluzione”.

Quando scopri come sollevare un problema con il tuo partner, usa un “innesco morbido”.

Quando si solleva una questione nella relazione, molti partner ricorrono immediatamente alle critiche : “Torni sempre a casa tardi dopo il lavoro e ora la cena è fredda. Sei così egocentrico.” 

Un approccio migliore – e più vulnerabile – è quello di riflettere e quindi riformulare quella critica come espressione di un bisogno, piuttosto che un attacco al personaggio del tuo partner.

I rinomati ricercatori che da quarant’anni studiano le relazioni di coppia John e Julie Gottman, hanno escogitato la tecnica dell’innesco morbido della conversazione  che utilizza la seguente impostazione:

“Riguardo a ____________________mi sento__________________________e ho bisogno di ___________________” per avviare tale conversazione.

Nel mio lavoro di psicoterapeuta di coppia ho scoperto che le critiche sono quasi sempre necessarie sotto mentite spoglie.

Quindi nell’esempio sopra, potresti dire: “Mi sento solo e deluso dal fatto che torni a casa così tardi e ho bisogno che tu faccia uno sforzo per essere a casa in tempo per cena più spesso. Quando non ce la fai in tempo, ho bisogno che tu mi chiami per farmelo sapere.”

Le persone generalmente rispondono alle manifestazioni di vulnerabilità in modo positivo.

Prova a ricordare a quando qualcuno si è aperto con te, ti ha confidato qualcosa che lo riguardava intimamente.

È probabile che tu sia stato onorato che abbia condiviso la sua storia con te. Forse hai ammirato il coraggio necessario per farlo. Forse ti ha fatto sentire più in intimità con lui.

Tieni presente che quando gli altri condividono le loro esperienze con noi in modo autentico e vulnerabile, generalmente tendiamo a sentirci più vicini e abbiamo maggiori probabilità di ricambiare emotivamente.

Sharing is caring!

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy