Le lacrime: un affascinante mistero

A che serve piangere?

Il pianto emotivo rimane uno dei misteri più affascinanti del corpo umano. Michael Trimble, neurologo comportamentale professore all’Institute of Neurology di Londra, è considerato uno dei maggiori esperti mondiali di pianto. Le lacrime affascinano gli uomini da sempre.

Le lacrime sono necessarie per mantenere umido il bulbo oculare e contengono proteine ​​e altre sostanze che mantengono l’occhio sano e combattono le infezioni.  La lacrimazione si verifica in molti animali in risposta a sostanze irritanti che entrano negli occhi.

Gli esseri umani umani piangono per molte ragioni, ma piangere per ragioni emotive e piangere in risposta a esperienze è una peculiarità degli esseri umani. La prima è più associata alla perdita e al lutto, le forme d’arte che sono più associate alle lacrime sono la musica, la letteratura e la poesia.

 Ci sono pochissime persone che piangono guardando dipinti, sculture o edifici incantevoli, ma abbiamo anche lacrime di gioia i cui sentimenti associati durano più a lungo del pianto in altre circostanze.

Empatia e neuroni specchio

La teoria della mente si riferisce a un’area della cognizione sociale che si è sviluppata enormemente nell’uomo, sebbene abilità simili in forme molto più limitate siano state mostrate negli scimpanzé.

 La capacità di provare compassione, la cui incarnazione si riferisce alla nostra capacità di empatia, è innescata da ciò che il neurologo Antonio Damasio chiama stimoli emotivamente competenti. 

Le risposte sono automatiche, inconsce e legate ai nostri ricordi personali. Vedere espressioni facciali di tristezza innesca i circuiti neuronali legati alla teoria della mente e all’empatia, che in una certa misura si sovrappongono e coinvolgono, in parte, quelle aree cerebrali che ci danno i nostri sentimenti viscerali ed emotivi sopra menzionati. 

La lacrima, come parte dell’espressione della sofferenza, è diventata un emblema che ricama l’espressione dell’emozione. 

Le lacrime sono una risposta naturale non solo alla sofferenza, ma anche alla compassione per qualcuno che sta piangendo. C’è stata molta riluttanza, soprattutto da parte degli uomini, ad ammettere di piangere e di piangere in pubblico. 

Eppure, eroi greci come Agamennone e Achille hanno pianto, e il 2012 ha visto molte lacrime pubbliche, dai vincitori e vinti ai giochi olimpici, al presidente Obama che ha pianto dopo la sua vittoria elettorale. 

Non dovremmo aver paura delle nostre emozioni, specialmente quelle legate alla compassione, poiché la nostra capacità di provare empatia e di piangere, è il fondamento di una moralità e cultura esclusivamente umana.

Se è vero che solo gli esseri umani piangono emotivamente, allora ci deve essere stato un tempo nell’evoluzione umana in cui le lacrime hanno assunto un significato aggiuntivo per le loro funzioni finora biologiche, vale a dire come un segnale di angoscia, e una cifra per la sofferenza.

L’alba dell’autocoscienza

In passato i nostri antenati potevano arrivare a possedere questo tratto. Probabilmente ciò è collegato all’alba dell’autocoscienza, allo sviluppo della teoria della mente, all’attaccamento emotivo verso gli altri, allo sviluppo di gesti facciali sofisticati associati alla sofferenza e conseguente perdita e lutto.

Tutto questo prima dello sviluppo del nostro elegante linguaggio verbale. Le risposte emotive sono diventate in gran parte inconsce e innate.
Le differenze tra la neuroanatomia del cervello umano e quella degli scimpanzé e di altri primati strettamente correlati, possono spiegare la nostra capacità di rispondere emotivamente con lacrime alle arti. 

Le aree cerebrali coinvolte sono molto diffuse, ma collegano la nostra corteccia cerebrale anteriore con quelle aree associate alla rappresentazione delle emozioni – le cosiddette strutture limbiche e il nostro sistema autonomoQuest’ultimo coordina la frequenza cardiaca, la respirazione e l’output vocale, tutti elementi che collaborano nell’espressione dell’emozione con le lacrime.

Charles Darwin una volta dichiarò “senza scopo” le lacrime emotive e, quasi 150 anni dopo, il pianto emotivo rimane uno dei misteri più affascinanti del corpo umano. 

L’origine delle lacrime negli esseri umani

Sebbene alcune altre specie versino lacrime in modo riflessivo a causa di dolore o irritazione, gli esseri umani sono le uniche creature le cui lacrime possono essere scatenate dai loro sentimenti.

Nei bambini, le lacrime hanno il ruolo ovvio e cruciale di sollecitare l’attenzione e la cura degli adulti. Ma che dire degli adulti? Questo è meno chiaro. È ovvio che le emozioni forti le innescano, ma perché?

Il dubbio scientifico che il pianto abbia qualche reale beneficio oltre il fisiologico – le lacrime lubrificano gli occhi – è persistito per secoli.  Oltre a ciò, i ricercatori hanno generalmente focalizzato la loro attenzione più sulle emozioni che sui processi fisiologici che possono apparire come i loro sottoprodotti.

Secondo Vingerhoets, professore di L’Università di Tilburg nei Paesi Bassi, il principale esperto mondiale di pianto, piangere è più che un sintomo di tristezza

È innescato da una serie di sentimenti – dall’empatia e dalla sorpresa alla rabbia e al dolore e, a differenza di quelle “farfalle” che si agitano invisibilmente quando siamo innamorati, le lacrime sono un segnale che gli altri possono vedere. Questa intuizione è fondamentale per il pensiero più recente sulla scienza del pianto.

Darwin non era l’unico ad avere opinioni sul perché gli umani piangessero. Secondo alcuni calcoli, le persone hanno indagato sulla provenienza delle lacrime e sul perché gli umani le hanno versate dal 1500 aC circa.

Per secoli, le persone hanno pensato che le lacrime fossero originate nel cuore; l’Antico Testamento descrive le lacrime come il sottoprodotto di quando il materiale del cuore si indebolisce e si trasforma in acqua, più tardi, ai tempi di Ippocrate, si pensava che la mente fosse la causa delle lacrime. 

Una teoria prevalente nel 1600 sosteneva che le emozioni, in particolare l’amore, riscaldavano il cuore, generando vapore acqueo per rinfrescarsi. Il vapore del cuore saliva quindi alla testa, si condensava vicino agli occhi e fuoriusciva come lacrime.

Alla fine, nel 1662, uno scienziato danese di nome Niels Stensen scoprì che la ghiandola lacrimale era il punto di origine delle lacrime. Fu allora che gli scienziati iniziarono a scoprire quale possibile beneficio evolutivo potesse essere conferito dal fluido che sgorga dall’occhio. 

Altre teorie persistono nonostante la mancanza di prove, come l’idea resa popolare dal biochimico William Frey nel 1985 secondo cui il pianto rimuove dal sangue le sostanze tossiche che si accumulano durante i periodi di stress.

Il pianto e la connessione sociale

Le prove stanno crescendo a sostegno di alcune nuove teorie più plausibili. Una di queste è che è che le lacrime innescano il legame sociale e la connessione umana.

 Mentre la maggior parte degli altri animali nasce completamente formata, gli esseri umani vengono al mondo vulnerabili e fisicamente non attrezzati per affrontare qualsiasi cosa da soli. Anche se diventiamo fisicamente ed emotivamente più capaci man mano che maturiamo, gli adulti non invecchiano mai del tutto occasionalmente. 

“Il pianto segnala a te stesso e alle altre persone che esiste un problema importante che è almeno temporaneamente al di là della tua capacità di affrontarlo“, afferma Jonathan Rottenberg, ricercatore di emozioni e professore di psicologia all’Università della Florida del sud. 

Gli scienziati hanno anche trovato alcune prove che le lacrime emotive sono chimicamente diverse da quelle che le persone versano mentre tagliano le cipolle, il che può aiutare a spiegare perché il pianto invia un segnale emotivo così forte agli altri.  Oltre agli enzimi, ai lipidi, ai metaboliti e agli elettroliti che compongono le lacrime, le lacrime emotive contengono più proteine.

 Un’ipotesi è che questo contenuto proteico più elevato rende le lacrime emotive più viscose, quindi si attaccano alla pelle più fortemente e corrono lungo il viso più lentamente, rendendole più probabili essere viste dagli altri.

Le lacrime mostrano anche agli altri che siamo vulnerabili e la vulnerabilità è fondamentale per la connessione umana. “Vedendo qualcuno emotivamente attivato, si attivano le stesse aree neuronali del cervello se se fosse eccitato emotivamente”, afferma Trimble, professore emerito all’University College di Londra. 

“Ci deve essere stato un certo momento, evolutivamente, quando la lacrima è diventata qualcosa che ha innescato automaticamente empatia e compassione in un altro. In realtà essere in grado di piangere emotivamente, ed essere in grado di rispondere a questo, è una parte molto importante dell’essere umano. “

Il potere delle lacrime

Una teoria meno commovente si concentra sull’utilità del pianto nel manipolare gli altri. “Impariamo presto che il pianto ha un effetto davvero potente sugli altri”, afferma Rottenberg. 

Il pianto può neutralizzare la rabbia in modo molto potente, il che fa parte del motivo per cui si pensa che le lacrime siano così parte integrante delle lotte tra innamorati, in particolare quando qualcuno si sente in colpa e desidera il perdono dell’altra persona. 

Agli adulti piace pensare di essere al di là di questo, ma penso che svolgano molte delle stesse funzioni .

Uno studio sulla rivista Science che è stato ampiamente pubblicizzato dai media ha suggerito che le lacrime delle donne contenevano una sostanza che inibiva l’eccitazione sessuale degli uomini. 

“Non pretendo di essere sorpreso dal fatto che abbia generato tutti i titoli sbagliati”, afferma Noam Sobel, uno degli autori dello studio e professore di neurobiologia al Weizmann Institute of Science in Israele. 

Le lacrime potrebbero ridurre l’eccitazione sessuale, ma la storia più grande, pensa, è che potrebbero ridurre l’aggressività. Le lacrime degli uomini possono avere lo stesso effetto. Il dott.Sobel e il suo gruppo stanno studiando le 160 molecole in lacrime per vedere se c’è un responsabile.

Perchè alcune persone non piangono?

Che cosa significhi tutto ciò per le persone che non piangono è una domanda a cui i ricercatori si rivolgono tuttora. Se le lacrime sono così importanti per le relazioni umane, le persone che non piangono mai sono forse meno connesse socialmente connesse? Questo è ciò che la ricerca sta studiando, secondo lo psicologo clinico Cord Benecke, un professore dell’Università di Kassel in Germania. 

Conducendo interviste intime con 120 persone si è cercato di vedere se le persone che non piangevano fossero diverse da quelle che lo facevano. Il dott. Benecke scoprì che le persone che non piangevano avevano la tendenza a ritirarsi e descrivevano le loro relazioni come meno connesse. Queste persone provavano sentimenti aggressivi più negativi, come rabbia, rabbia e disgusto, rispetto alle persone che piangevano.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se le persone che non piangono davvero sono diverse dal resto di noi, e alcune presto arriveranno. Al momento non esistono prove del fatto che il pianto abbia effetti positivi sulla salute. 

Pianto e salute

Eppure il mito persiste che si tratta di una disintossicazione emotiva e fisica, “come se fosse una sorta di allenamento per il tuo corpo”. 

Un’analisi ha esaminato articoli sul pianto nei media – nell’arco di di 140 anni – e ha scoperto che il 94% lo ha descritto come un bene per la mente e il corpo e ha detto che trattenere le lacrime avrebbe comportato il contrario. “È una specie di favola”, afferma Rottenberg. “Non ci sono ricerche per sostenerlo.”

La moderna ricerca sul pianto è ancora agli inizi, ma i misteri delle lacrime – e le recenti prove che sono molto più importanti di quanto gli scienziati credessero una volta – spingono Vingerhoets e il piccolo gruppo di ricercatori sulle lacrime a continuare.

 “Le lacrime sono di estrema rilevanza per la natura umana”, afferma Vingerhoets. “Piangiamo perché abbiamo bisogno di altre persone. Quindi Darwin, “dice con una risata,” si era totalmente sbagliato. “

Fonte: Vingerhoets, A. J. J. M. (2013). Why only humans weep: Unravelling the mysteries of tears. Oxford University Press.

Sharing is caring!

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza cookies di profilazione per migliorare l’esperienza del sito e inviarti notizie in linea con le tue ricerche
Se vuoi sapere di più clicca qui:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy